Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Guerra tra “i poveri” in Toscana

Postato il 25 Novembre 2014 | in Scenari Politico-Sociali, Territori | da

Riceviamo e pubblichiamo

guerra-dei-poveriE si sapeva!!! La guerra “tra poveri” arriva anche e soprattutto nella Toscana e Pisa rosée…

Uno dei maggiori esponenti del Comitato che difendeva con le unghie e con i denti i diritti, i bisogni, gli interessi, di chi vive e lavora in zona Stazione, contro il degrado, l’ingorgo di persone sbandate, ubriache, sfatte, l’invivibilità, diventa il capo del Comitato … contro la Moschea!

Altri Comitati “popolari” nascono un po’ dovunque, dai problemi stradali ai casini notturni della movida ai licenziamenti che cominciano anche qui a mordere…

Il tutto accade in una città fondata sull’accoglienza, a parole, e ora fondata sulla “lotta al bivacco”, indiscriminatamente diretta contro chi sta male e ha bisogno di sdraiarsi e non sa dove farlo se non in strada, e contro chi usa la strada per aggredire gli altri; in una città che si fa vanto di difendere il lavoro, la scuola, la casa, e ora appare fondata sull’unico diritto di proprietà; in una città fondata sulla cultura, e ora priva di biblioteca (qualcuno sa perché???) ma ricca di gavettoni tra ragazzi delle scuole “eccellenti”…

Chi ha creato tanti anni fa i primi Comitati pisani per i diritti civili, sociali, ambientali, non può che esserne angosciato, triste, neanche capace di vantarsi dicendo “ve l’avevo detto”…

Ma voglio ancora sperare in qualcosa: chi ha occupato palazzo Boyl, denunciando giustamente l’abbandono e il degrado di questo e di tanti altri pezzi di città, occupi insieme ai lavoratori anche le fabbriche e le situazioni a rischio di smantellamento, faccia vedere a questo Comune che i suoi soldi deve metterli a difesa VERA dei suoi cittadini, e non a rimpinzare le aziende del People Mover, della Sesta Porta, della Tangenziale, sempre pronte a gonfiare la torta degli affari conquistati (ma nelle gare c’è mai stata la clausola che I RIALZI NON SONO CONSENTITI, se non per buone ragioni dimostrate?), per progetti molto poco PIUSS e tanto Grandi Opere Inutili e Costose…

Forse così si capirà chi è il “nemico”, senza confusione di obiettivi e di colori (non sempre il nero è nero, non sempre il bianco è bianco…).

Paolo Arduini

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Tag Cloud