Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Grecia, perché non sospendere direttamente la democrazia?

Postato il 28 Aprile 2015 | in Mondo, Scenari Politico-Sociali | da

tsipQuando, circa cinque anni fa, ebbe inizio la crisi dell’euro, gli economisti keynesiani preannunciarono che l’austerity imposta alla Grecia e ad altri paesi in difficoltà era destinata al fallimento, poiché avrebbe soffocato la crescita, aumentato la disoccupazione e non sarebbe riuscita a diminuire il rapporto debito-Pil. Altri – fra cui esponenti della Commissione europea, della Banca centrale europea e di alcune università – parlarono di contrazioni espansive, ma persino il Fondo monetario internazionale dichiarò che le contrazioni, così come i tagli alla spesa pubblica, avevano, per l’appunto, una funzione meramente “contrattiva”.

Non c’era affatto bisogno di un altro test. L’austerity aveva già registrato numerosi fallimenti, dal suo primo utilizzo sotto la presidenza di Herbert Hoover, che trasformò il crollo del mercato azionario nella Grande Depressione, fino ai “programmi” del Fmi imposti all’Asia orientale e all’America latina negli ultimi decenni. Eppure, quando la Grecia si è trovata in difficoltà, si è tentata di nuovo questa strada.

Leggi tutto l’articolo di Joseph Stiglitz al seguente indirizzo:

http://www.nuovatlantide.org/europagrecia-perche-non-sospendere-direttamente-la-democrazia/

 

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Tag Cloud