Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Governo e Confindustria rinviano a Febbraio la estensione del Jobs act al Pubblico Impiego?!

Postato il 30 dicembre 2014 | in Lavoro Pubblico, Sindacato | da

Renzi_job_actA leggere il sole 24 ore, quotidiano di Confindustria, si capisce che i padroni non sono ancora soddisfatti e vogliono la estensione del jobs act al pubblico impiego, dal canto suo il Governo rinvia la discussione a Febbraio quando arriverà l’ennesima riforma del Pubblico impiego.
Allo stato attuale le regole applicabili per i licenziamenti individuali sono un po’ confuse dopo la entrata in vigore del decreto attuativo, e questa confusione determinerà l’ennesimo intervento semplificativo del Governo.
Semplificazione per Renzi significa cancellare tutele individuali e collettive, questo va detto a scanso di equivoci per confutare la cultura del nuovo di cui i governanti si fanno tanto vanto.

Vediamo insieme alcune questioni

  1. La strada era già stata tracciata dalla Fornero e il Jobs act cancella ogni intervento della Magistratura per la riassunzione dei licenziati. Al posto del reintegro arriva il risarcimento e la regola applicabile ai nuovi licenziamenti prevede un minimo di 4 mensilità e un massimo di 24 mensilità. Le sole eccezioni riguardano i licenziamenti discriminatori (ma i casi sono cosi’ eclatanti da essere scartati in partenza, per esempio nel caso in cui una azienda licenzi solo donne o categorie protette o delegati sindacali, l’esperienza ci induce a giudicare paradossi visto che i padroni, consigliati da consulenti del lavoro sul loro libro paga, non commetteranno certi errori). Quindi la magistratura del lavoro non avrà quasi piu’ voce in capitolo, i giudici si dedichino a far rispettare l’ordine costituito e non a recare problemi alle aziende, questo è il messaggio inequivocabile.
  2. il jobs act si applica ai lavoratori assunti dall’entrata in vigore del decreto legislativo quindi in futuro non ci sarà reintegro ma solo il risarcimento che nelle aziende con meno di 15 dipendenti sarà un ‘autentica miseria
  3. Per i lavoratori del privato assunti prima del jobs act vale il risarcimento ma c’è anche la reintegra (al contrario dei neo assunti) pur in casi eccezionali quali la cosiddetta manifesta insussistenza del licenziamento, reintegro e pagamento fino a un massimo di 12 mensilità per il licenziamento economico, mentre per quello disciplinare o legato ad inidoneità fisica il risarcimento arriva fino a 24 mesi senza reintegro che arriva solo qualora il ccnl preveda una sanzione piu’ lieve per i fatti contestati.
  4. In un colpo solo, per i neo assunti hanno annullato definitivamente il reintegro, ridotto a pochi euro il risarcimento e sparisce ogni riferimento ai contratti nazionali nell’ottica di cancellare progressivamente il ccnl
  5. In questo scenario non è sfuggita a esponenti della maggioranza (Sacconi e gli atavici avversari dello statuto dei lavoratori in prima fila) che i dipendenti pubblici sono ancora in regime di articolo 18 e per licenziamenti economici o disciplinare vale ancora la misura del reintegro senza spazio alcuno per il risarcimento. Agli occhi dei reazionari storici e dei reazionari del nuovo corso questa situazione suona come una sorta di privilegio rispetto ai restanti lavoratori, a breve partiranno con la ennesima campagna contro la pubblica amministrazione i cui dipendenti godono di benefici da sopprimere. Peccato che i benefici sono diritti e gli stessi diritti li hanno tolti alle generazioni future e ben presto proveranno a cancellarli anche ai settori pubblici

Cobas Pubblico Impiego

www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Commenti recenti

    Tag Cloud