Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Forti con i deboli e deboli con i forti

Postato il 25 Settembre 2014 | in Lavoro Pubblico, Sindacato | da

Apprendiamo che una collega è stata sospesa dal servizio per 6 mesi senza retribuzione alcuna. La motivazione di tale sospensione sarebbe quella di riservare poca attenzione alle prestazioni eseguite con “l’aggravante” del mancato rispetto dei codici di comportamento propri del dipendente pubblico.

Noi non entreremo nel merito dei motivi della sospensione rinviando al Giudice del lavoro il compito di pronunciarsi.

Vogliamo però evidenziare che in altre situazioni l’Amministrazione ha tenuto un comportamento diverso e una mano decisamente piu’ leggera.

Quali provvedimenti avrebbe dovuto adottare nei confronti di un gruppo dirigente che ha pagato alle banche, per colpa del proprio avventurismo politico- amministrativo, 12 milioni di euro dissanguando le casse economiche della Provincia?

Quali provvedimenti avrebbe dovuto prendere verso chi per anni ha continuato a trascinare la questione Gaslini spendendo un sacco di milioni della comunità?

Perché gli errori di gestione non sono puniti con provvedimenti disciplinari adeguati alla gravità dei fatti ? Ma contro ogni logica, il gruppo dirigente responsabile di tali fallimentari gestioni non solo non è stato sanzionato, ma , al contrario, è stato premiato con ricchi premi di risultato !!

Ci chiediamo se non sia sanzionabile un gruppo dirigente amministrativo che si prende degli impegni in materia di sicurezza sul lavoro senza poi rispettarli……

Non vogliamo aggiungere altro, se non denunciare un uso dei provvedimenti disciplinari alquanto discutibile, magari per occultare atti di Governo e amministrativi che meriterebbero non il plauso o il silenzio ma ben altra risposta.

Ancora una volta sono le lavoratrici e i lavoratori i soli capri espiatori….

Due pesi e due misure, inaccettabili, questo è il pensiero non solo dei cobas ma di tutti i\le dipendenti della Provincia.

Cobas Provincia di Pisa

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Tag Cloud