Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Fondi pensione come bancomat

Postato il 8 Novembre 2014 | in Italia, Scenari Politico-Sociali | da

“Risparmio. I nostri soldi alle aziende decotte”

ParlamentoI tifosi della previdenza integrativa elevano alti lai per il previsto innalzamento al 20% della ritenuta sui rendimenti (titoli di stato e affini esclusi), che è comunque meno del 26% che pagano i poveri cristi. Altro dovrebbe preoccuparli. È la mozione parlamentare n. 1/00602, presentata da Lello Di Gioia del Psi (!) e in odore di approvazione, visto il largo spettro dei firmatari: Pd, Forza Italia, Sel, Scelta Civica, Per l’Italia, Pli ecc.

Non è di facile lettura, raffazzonata con ripetuti taglia-e-incolla dalla Relazione «Iniziative per l’utilizzo del risparmio previdenziale complementare a sostegno dello sviluppo dell’economia reale del Paese» del 9-7-2014, condita con qualche anacoluto, molte ripetizioni, alcune incongruenze.

Ma lascia poco spazio a equivoci sulle intenzioni: si veda l’ultimo punto (g). Decifrando un’unica frase in cattivo italiano di 83 parole e 601 battute, si scopre che la mozione vuole impegnare il governo a “un patto per l’Italia” affinché “parte dei patrimoni gestiti dai fondi pensione e casse professionali” siano investiti “a favore di iniziative per lo sviluppo infrastrutturale dell’Italia” (leggi: finanziare opere pubbliche), “garantendo la rimuneratività degli investimenti”. L’ultima richiesta, se può rassicurare i futuri pensionati, preoccupa i contribuenti perché mette a carico dello Stato pericolose garanzie di rendimento.

Ma soprattutto viene calpestato il principio che i soldi nei fondi pensione, nelle casse previdenziali professionali e nelle polizze vita vanno impiegati in investimenti quotati, da un lato per permetterne all’occorrenza lo smobilizzo, dall’altro per contenere le ruberie.

Per quanto scritta male, la mozione è chiara nei suoi obiettivi: far sì che si possa attingere al risparmio previdenziale complementare degli italiani per sopperire ai mancati investimenti dello Stato e per prestare soldi direttamente ad aziende private. Al riguardo è facile intuire quali li otterrebbero: quelle, magari prossime al fallimento, particolarmente ammanicate con gli amministratori di fondi pensione e casse previdenziali professionali. Di cui più di una ha già conquistato il disonore delle cronache per malversazioni venute alla luce.

Beppe Scienza

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Tag Cloud