Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

È questo il modo di difendere la sanità pubblica?

Postato il 20 Aprile 2020 | in Italia, Lavoro Pubblico, Scenari Politico-Sociali, Sindacato | da

È QUESTO IL MODO DI DIFENDERE LA SANITA’ PUBBLICA?

Il PD vota contro per aumentare il Fondo per il personale sanitario, le Destre si astengono, i Sindacati Concertativi (CGIL-CISL-UIL) reggono la coda!

Mentre la retorica si spreca verso chi continua a lavorare in prima linea (Eroi? Angeli?), si cominciano a scoprire le carte della politica e di tutti coloro che costituiscono il sistema di potere del centrosinistra, imperniato sul Partito Democratico, in Toscana.

Ad una proposta di emendamenti presentati da consiglieri regionali dell’opposizione di sinistra, su sollecitazione e indicazione di sigle sindacali e RSU/RLS di base, il PD ha votato contro (e le Destre di sono astenute, come anche le incoerenti opposizioni di sinistra) dichiarando tali emendamenti “inammissibili” e quindi impedendo il prolungamento, delle indennità integrative a favore lavoratori e lavoratrici del comparto sanitario fino a settembre, e di aumentare il fondo stesso da 31,5 a 302,0 milioni di euro, la proposta della Regione era quella di elargire tale indennità solo dal 17 marzo al 30 aprile, ed escludendo inoltre da tali retribuzioni chi si è ammalato. Di fatto la retribuzione di queste indennità, vista la lentezza degli iter deliberativi verrà percepita dai lavoratori, non prima di maggio o addirittura ben oltre.

Lo stesso PD, che da anni si è allontanato dalle realtà sociali e dagli effettivi bisogni dei cittadini e dei lavoratori, oggi boccia una richiesta di quelle istituzioni che vivono costantemente a contatto con i lavoratori perché sono parte di essi … Vergogna!

Non capiamo inoltre perché la Regione Toscana ha investito risorse preziose per riattivare reparti del Santa Chiara, anziché potenziare corsie e reparti di Cisanello, ma soprattutto rafforzare la medicina di prevenzione territoriale, vero e proprio presidio per monitorare e intervenire tempestivamente a bloccare la diffusione del contagio. Un intervento utile e socialmente motivato potrebbe essere quella di ripristinare i piccoli ospedali che oggi son chiusi sui territori e che andrebbero riaperti per farne reparti di contenimento Covid e, passata l’eccezionalità, essere convertiti in RSA territoriali, visto che a oggi sulle esigenze dei territori non c’è mai stata risposta.

La Regione, nonostante la propaganda di Rossi, in realtà continua a gestire in maniera opaca i servizi che dipendono dalla Regione, tra cui le mense universitarie del Diritto allo Studio, gli addetti ai rifiuti urbani, le RSA e RSD, che sono stati abbandonati in tutta la prima fase dell’epidemia, e sono stati costretti a lavorare senza DPI e senza alcun protocollo medico appropriato a fronteggiare un’emergenza virale praticamente a mani nude!!

E solo adesso in Toscana, dopo che si lamentano migliaia di contagiati, e purtroppo di morti, fra lavoratori e cittadini il Presidente Rossi parla della fase 2 “che dovrà mettere al primo posto la salute dei lavoratori e della popolazione” enfatizzando ancora di più la sconfitta totale del sistema di salute pubblica regionale.

Infine, stigmatizziamo l’avallo dato dalle OO.SS. concertative CGIL-CISL-UIL, sempre più impegnate in loschi giochi di palazzo che non hanno sostenuto questa proposta e firmato l’accordo che affossa questa iniziativa.

Anche per queste sigle, evidentemente, troppe parole in difesa della Sanità Pubblica, ma ben pochi fatti!

Confederazione COBAS Pisa

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

I COBAS della Scuola aderiscono
allo sciopero di
venerdì 14 Febbraio

Tag Cloud