Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Dov’è il controllo sociale dei cittadini sui servizi pubblici?

Postato il 30 Aprile 2015 | in Lavoro Pubblico, Sindacato | da

Dov’è il controllo sociale dei cittadini sui servizi pubblici?
La retorica dell’anticorruzione all’ombra di esuberi, licenziamenti e privatizzazioni

Corruzione_mazzetteIl Decreto Legislativo n. 33/13  indurrebbe gli enti pubblici a maggiore trasparenza  ma a guardare i siti istituzionali l’obiettivo è ancor lungi dall’essere raggiunto  soprattutto perché pubblicazione degli atti non significa spesso accessibilità agli stessi da parte dei cittadini. La corruzione non si combatte pubblicando atti ma rendendoli facilmente leggibili , consentire al cittadino e al lavoratore di avere strumenti e ambiti dove far valere la propria posizione.

In assenza di democrazia la lotta alla corruzione diventa un’arma spuntata e di immagine, le indicazioni degli organismi interni di valutazione non hanno valore vincolante per le scelte amministrative, la massimo possono incidere sulla valutazione dei dirigenti ma l’operato di questi organismi resta oscuro a cittadini e lavoratori, inaccessibile e pertanto assolutamente insufficiente

Ma la nostra critica preliminare dovrebbe riguardare lo strumento della performance che non ha accresciuto i servizi migliorandone la qualità, la performance è uno strumento di divisione tra i lavoratori, di erogazione del salario accessorio in termini discriminanti e ha sempre meno attinenza a criteri oggettivi di valutazione del merito

Il merito è quindi strumento di divisione perché per valorizzare il dipendente pubblico servirebbero percorsi formativi reali, investimenti nella macchina amministrativa e un ben rinnovo contrattuale con rimozione dei turn over

Le amministrazioni poi inadempienti in materia di trasparenza, per esempio nella mancata rotazione degli incarichi, non determinano sanzioni visto che a decidere le eventuali sanzioni dovrebbe essere un soggetto interno all’amministrazione stessa come previsto dall’art. 47, D.Lgs. n. 33/13.

La stessa segnalazione all’Anac ha tempi lunghi e non determina la certa sanzione per il dirigente inadempiente, al contrario gli errori del singolo dipendente vengono individuati e perseguiti con facilità e semplicità

Da qui scaturisce la certezza che il cittadino non possa esercitare alcun controllo effettivo ed efficace sulla trasparenza degli atti e lo stesso ragionamento vale per il sindacato a cui sovente viene negato l’accesso agli atti e lo stesso diritto alla informazione.

La trasparenza e l’anticorruzione diventano cosi’ uno strumento retorico e la legalità vale per gli ultimi ma non per dirigenti e assessori, quest’ultimi salvati dalle responsabilità erariali quando sovente è dimostrato che le scelte dirigenziali avvengono su loro indebita e diretta pressione

La tanto decantata autonomia del tecnico è un nonsense, nel frattempo la Pubblica amministrazione rischia di ritrovarsi con migliaia di esuberi nelle province, prepensionamenti senza la certezza di assunzioni

Cobas Pisa

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Tag Cloud