Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Dopo la Consulta

Postato il 27 Giugno 2015 | in Italia, Lavoro Pubblico, Scenari Politico-Sociali, Sindacato | da

Blocco-stipendiIl 2015 potrebbe essere un ulteriore anno di blocco contrattuale aggirando la sentenza della Consulta, di fatto l’Aran dà le prime indicazioni perché la contrattazione  per il pubblico impiego riprenda  solo nel 2016, a legge di stabilità approvata quando saranno definiti i vincoli di bilancio dentro i quali si muoveranno i rinnovi.

Fatti due conti , se confermate le indicazioni Aran e con la sentenza della Consulta che uscirà non prima di metà Agosto, il rinnovo dei contratti attenderà circa un anno e gli aumenti restano una incognita.

Sarà la legge finanziaria di dicembre il prossimo banco di prova sindacale insieme alla riforma della Pa che ad oggi è ancora all’esame della Camera.

Su tutti i fronti, dalla piattaforma di rinnovo (che resta una incognita economica non sapendo ancora quanti fondi destineranno ai rinnovi) alla parte normativa dei contratti, dalla riforma della Pa ai comparti (l’idea è di limitare a 4 comparti tutto il settore pubblico), i sindacati di base dovranno misurare la loro capacità di proposta e di mobilitazione.

Non c’è tempo da perdere ma  tra il dire e il fare c’è di mezzo la autoreferenzialità

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Tag Cloud