Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Dagli appalti della Piaggio e della Ceva

Postato il 15 Aprile 2013 | in Lavoro Privato, Sindacato | da

NON PERDIAMO ALTRO TEMPO

L’ultima assemblea, in sostanza, non è servita ai lavoratori e alle lavoratrici per fare chiarezza sui due temi per cui si è svolto l’incontro tra sindacati e World Service, il 10 aprile scorso: LE 40 ORE CONTRATTUALI E IL DIRITTO ALLA MENSA.

I rappresentanti sindacali, nell’assemblea del 12 aprile, si sono presentati davanti agli operai e alle operaie con idee fortemente diverse sui due temi principali. Stando alle delegate Cgil e Uil, le 40 ore non sono importanti e tutti possiamo aspettare beati un “futuro prossimo” promesso dalla World Service per avere qualche spicciolo in più.

Noi dei Cobas, invece, pensiamo che, perché i lavoratori siano tutelati e abbiano quanto abbiamo rivendicato, dobbiamo inchiodare World Service a una verifica delle ore lavorate dall’1 febbraio 2011 a oggi e del numero di dipendenti con contratti precari che sono entrati e usciti in questi anni, senza fare riferimento solo al periodo del trasferimento a Pontedera, perché i precari ci sono sempre stati, tanti e anche prima del trasferimento. Quindi, il trasferimento è solo un alibi, una scusa, per rimandare, per perdere altro tempo, perché l’azienda possa continuare a fare in modo che noi gli costiamo poco, troppo poco. E un sindacato che si rispetti non può dare spago a queste manfrine.

Non abbassiamo la testa come animali da soma, andiamo tutti insieme a testa alta a rivendicare quello che ci spetta, non permettiamo che l’attesa infinita del riconoscimento di un diritto tutelato dalla Costituzione taglieggi ancora le nostre 13e, le 14e, la retribuzione durante la malattia e l’infortunio, quella dei giorni di ferie, di ROL, di permessi retribuiti, insomma tutti i diritti (fino al TFR e alle future pensioni) legati all’orario di lavoro. Che già ora, non essendo pieno, soffoca noi e le nostre famiglie.

Noi con contratto a tempo indeterminato non possiamo essere licenziati dalla sera alla mattina, abbiamo una importante tutela in più, il nostro contratto non andrà in scadenza e non andrà rinnovato ogni 3/4 mesi. Ma non è così per i “tempi determinati”: questi nostri compagni di avventura (o di sventura) hanno una scadenza contrattuale prossima, per la quale è importante che si organizzino da subito.

Se lo vogliono, troveranno i Cobas disposti a battersi insieme a loro, nella consapevolezza che la solidarietà e l’unità sono utili a tutti, a chi è precario e a chi non lo è (o pensa di non esserlo). Contrariamente alla rappresentante Uil, la quale, forse alla ricerca di voti fra i “tempi indeterminati”, ha dichiarato in assemblea di non volersi occupare dei precari e di non volere fare per loro neanche un minuto di sciopero. Beata lei!

Cobas Lavoro Privato Pisa

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Tag Cloud