Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Comunicato su blocchi IKEA Pisa 16 ottobre

Postato il 20 Ottobre 2014 | in Eventi, Lavoro Privato, Scenari Politico-Sociali, Sindacato, Territori | da

Blocco_IkeaQuesta mattina oltre 80 tra lavoratori, precari, COBAS, realtà sociali e collettivi di Pisa, Lucca e Massa, e studenti, hanno dato vita ad un blocco dei cancelli di Ikea di Pisa impedendo l’ingresso e l’uscita delle merci tra le ore 5 e le ore 8 in occasione dello sciopero nazionale della logistica promosso da SI Cobas, ADL, e Cobas Lavoro Privato. Non è la prima volta che sono organizzate iniziative davanti ad Ikea, ormai simbolo di un modello di precariato e di sfruttamento intensivo di una forza lavoro costantemente ricattabile e ricattata. Lo sciopero della logistica vuole raggiungere obiettivi importanti quali reali garanzie occupazionali nei cambi di appalto, il pagamento della malattia e dell’infortunio al 100%, eliminazione dei bassi livelli, retribuzione del lavoro notturno maggiorato del 25% sino all’applicazione di tutti gli ammortizzatori sociali nella logistica. Lo sciopero della logistica, a Pisa, è stata anche occasione per contestare l’operato dell’amministrazione comunale e del sindaco Filippeschi che a tempo di record hanno garantito l’apertura dello store presso Navicelli, senza ottenere in cambio un solo posto di lavoro stabile e duraturo.
La giornata del 16 ottobre prosegue con le iniziative dello sciopero sociale e in collegamento con tutte le realtà attivate a livello nazionale. I promotori della manifestazione hanno chiesto un incontro ad Ikea di Pisa per richiedere il reintegro dei lavoratori interinali della Logistica il cui contratto non è stato rinnovato dal 1 ottobre, garanzie per il personale alle dipendenze di cooperative per il quale chiediamo l’applicazione del CCNL della logistica e rispetto delle normative di sicurezza nei luoghi di lavoro. Durante il presidio abbiamo riscontrato constatato come i lavoratori delle cooperative alle dipendenze di Ikea siano costretti a movimentazioni manuali di carichi assai pericolosi, tali da pregiudicare la salute degli addetti. A IKEA abbiamo chiesto un incontro.

La video intervista:

https://onedrive.live.com/?cid=04f61ebf208169da&id=4F61EBF208169DA!2519&ithint=video,mp4&authkey=!AO6BkidncbWwbGU

Per contatti

Flavio Pagano 347/2500101
Federico Giusti 349/8494727

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Tag Cloud