Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

Ceccardi&Company, frutto amaro della malascuola di Renzi-Fedeli

Postato il 20 dicembre 2017 | in Scuola, Sindacato | da

Arrivano direttamente dal Ministero dell’Istruzione di Valeria Fedeli i principi-guida che stanno nutrendo i deliri omofobici della prima cittadina di Cascina Susanna Ceccardi. Le “Linee guida all’educazione al rispetto”, emanate dal MIUR lo scorso ottobre fra grandi aspettative, sono il capolavoro del non-detto. Ignorano consapevolmente e colpevolmente la questione dell’omotransfobia, che pure imperversa tra le forme di bullismo più feroce nelle scuole. Riescono addirittura a evitare totalmente il tema, attualissimo e urgente, dell’educazione alla sessualità e all’affettività. E nello stesso tempo stravolgono il concetto di “partecipazione” alla vita scolastica dei genitori, assegnando loro di fatto un enorme potere di veto e di intervento sui contenuti della didattica, anche a costo di imporre la censura alle scelte delle scuole elaborate nei piani triennali dell’offerta formativa. Rappresentano una pietra tombale sulle attività rivolte alla prevenzione e al contrasto dell’omofobia e delle discriminazioni. E offrono dunque una sponda non da poco alle deliranti rivendicazioni di Ceccardi&Company nel momento in cui affermano, testualmente, che non ci sarà mai alcuna “teoria del gender” nella scuola, ma si promuoverà un’educazione basata unicamente sulla differenza uomo-maschio/donna-femmina quale fondamento “dell’intero orizzonte esistenziale”.

Leggi tutto il comunicato nel documento in allegato:

Ceccardi&Company, frutto amaro della malascuola di Renzi-Fedeli

www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Commenti recenti

    Tag Cloud