Un torto subito da un lavoratore è un torto fatto a tutti (IWW)

C’è ancora chi lotta contro il modello Marchionne

Postato il 15 Giugno 2016 | in Scenari Politico-Sociali | da

MarchionneCi ricordiamo bene la storia dello stabilimento Fiat di Pomigliano d’Arco. Era il 2010 quando sugli operai calava l’infame ricatto aziendale: o avrebbero accettato gli ennesimi sacrifici oppure la dirigenza avrebbe spostato lo stabilimento in Polonia.

Quante storie analoghe avevamo già sentito? D’altronde questo nascondono le facili chiacchiere sulla “globalizzazione”: dietro gli anonimi flussi di capitali finanziari o produttivi alla forsennata ricerca del massimo profitto ci sono capitalisti e governi che mettono deliberatamente in concorrenza i lavoratori per poter sfruttare manodopera estera a basso costo o abbassarne il costo in patria.

A differenza di tanti altri, l’episodio che si stava consumando a Pomigliano però ruppe il muro del silenzio mediatico e impressionò l’opinione pubblica, come se racchiudesse e sintetizzasse tutti gli altri. Lo sguardo freddo e cinico dell’amministratore delegato Marchionne era l’emblema dei calcoli spietati dei suoi pari e sembrava annunciare una svolta. La prima grande vertenza, da quando era scoppiata la più grande crisi economia del dopoguerra, si consumava nell’azienda-simbolo del nostro Paese segnando un passaggio al “dopo Cristo”, come Marchionne definiva paradossalmente il ritorno a un passato precedente alle conquiste dei diritti dei lavoratori. E si abbatteva su uno stabilimento combattivo in cui gli operai erano riusciti a strappare alcune conquiste, che poi nei toni razzisti dei media diventavano privilegi di un territorio di “fannulloni”.

Leggi tutto l’articolo di Clash City Workers al seguente indirizzo:

http://www.lacittafutura.it/dibattito/c-e-ancora-chi-lotta-contro-il-modello-marchionne.html

   Invia l'articolo in formato PDF   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

AVVISI IMPORTANTI

Appuntamenti

Archivi

Tag Cloud